A lottare c’è solo l’opposizione

I manifestanti da una parte, Pasquale Caratozzolo dall’altra, a fare bella mostra accanto al governatore Scopelliti. Il 17 settembre scorso, giorno della conferenza stampa convocata nel nosocomio scillese, si era già capito quale sarebbe stato l’atteggiamento della giunta comunale nei confronti dei piani del commissario ad acta alla sanità. Nel suo ospedale, nella struttura che avrebbe il dovere di difendere, il sindaco pronunciò solo queste inoffensive parole: «Presidente, ci affidiamo a lei». Scopelliti non avrebbe potuto chiedere di meglio: invece di un capopopolo aveva trovato un alleato silenzioso. Di fronte a tanta malcelata remissività, toccò a Pasquale Ciccone fare la parte del cattivo e difendere a muso duro l’ospedale, interpretando così i sentimenti di tutta la popolazione scillese. Il leader dell’opposizione si trovò di punto in bianco a recitare la parte del sindaco, singolarità che avrà un seguito, con tutta una serie di azioni messe in atto a dispetto dell’attendismo della giunta comunale. Leoluca Orlando, presidente della commissione sugli Errori sanitari, è venuto a conoscenza della situazione del presidio scillese solo grazie a un documento del gruppo di minoranza. «Lo smantellamento dell’ospedale – recitava il testo – costituisce una grave ferita agli interessi del territorio, è illogico e contraddittorio». Un’analisi che ha destato l’interesse della commissione verso lo “Scillesi d’America”. Ed è sempre stata la minoranza a dare l’impulso per l’approvazione di una delibera per il mantenimento della denominazione ospedaliera, la riattivazione del pronto soccorso e per un’eventuale annessione al “Riuniti” di Reggio. Di quell’atto ufficiale, che proponeva alternative realizzabili e doveva essere presentato da Caratozzolo a Scopelliti, si sono perse le tracce. L’opposizione ha poi più volte stigmatizzato pubblicamente l’atteggiamento dell’inquilino di Palazzo San Rocco di fronte a «un’operazione consapevole da parte dei vertici dell’Asp, finalizzata a privilegiare il ruolo di altri ospedali. Il sindaco è rimasto inerte rinunciando al ruolo di riferimento delle istanze più autentiche del popolo scillese». Azioni e denunce mirate che – promettono i consiglieri di minoranza – sono solo le prime battaglie nella guerra per la salvezza dell’ospedale.

Pietro Bellantoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: