Il sindaco Pinocchio

Era parsa alquanto strana la fretta con la quale la giunta comunale si apprestava a “regalare” per vent’anni la scuola elementare di Marina Grande alla Domi, società specializzata in corsi di formazione con sede a Villa San Giovanni. Per fugare ogni malizia dei malpensanti, durante il consiglio comunale del 30 novembre il sindaco Caratozzolo aveva asserito più volte in tono deciso di non conoscere l’associazione in questione né i suoi rappresentanti. «Non conosciamo i titolari di questa società – aveva affermato il primo cittadino – né abbiamo alcun interesse personale nella faccenda. Ci interessa solo che la scuola esca dalla stato di abbandono nel quale si trova attualmente». Ma scorrendo le pagine del sito della Domi (domifs.com), ci si imbatte nelle verità negate da Caratozzolo. Il 7 luglio 2011, durante la celebrazione del “Domiday”, il sindaco figurava infatti tra gli ospiti d’onore dell’evento, organizzato per presentare i risultati del primo anno di corsi formativi (domifs.com/domyday.html). Si può essere ospiti di estranei? Certo che sì, ma subito dopo si può continuare a definirli tali? Di sicuro c’è una cosa: Caratozzolo ha mentito. Conosceva la Domi quanto meno per il semplice fatto di essere stato invitato a una manifestazione in cui la società villese mostrava le abilità conseguite dai suoi allievi. E allora perché il sindaco ha preferito tenere nascoste le sue frequentazioni, istituzionali o amichevoli che fossero? C’era forse qualcosa da nascondere nell’operazione che avrebbe dato alla onlus la gestione della scuola? Piuttosto che mentire, Caratozzolo avrebbe invece potuto dare le sue garanzie sull’affidabilità e la professionalità dell’associazione oggetto del dibattito. E forse sarebbe anche riuscito a convincere della bontà del provvedimento anche la coalizione di minoranza, la cui ferma opposizione è stata decisiva per il blocco della delibera comunale. Caratozzolo non l’ha fatto, ha preferito invece negare ogni legame e dichiarare il falso di fronte al massimo organo comunale. A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

Pietro Bellantoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: