L’assessore che voleva imparare

Imbarazzo totale. Non c’è espressione più adatta per definire l’atmosfera che Totò Cambareri è riuscito a creare durante l’ultimo consiglio comunale. Tutto è avvenuto nel corso dell’intervento del capogruppo d’opposizione Pasquale Ciccone. L’ex candidato a sindaco sta dettando una frase da inserire a verbale, ma Cambareri interviene sarcasticamente per sottolineare l’insensatezza della locuzione «carente di irregolarità», pronunciata da Ciccone. Pronta la risposta di quest’ultimo che, tra il serio e il faceto, stigmatizza la presunta impreparazione scolastica di Cambareri. Il consigliere di Solano dà allora il meglio di sè, restituendo il “complimento” a Ciccone e aggiungendo: «Io te lo imparo l’italiano». Una gaffe clamorosa, un incidente grottesco che in un attimo ha trasformato l’ex assessore nell’oggetto dello scherno da lui stesso avviato. Per carità, un infortunio linguistico può capitare a tutti. Né c’è da dubitare della preparazione culturale di Cambareri. Forse, però, al di là delle scene da avanspettacolo, la cosa più grave è che il più volte assessore al Bilancio quello stesso giorno non abbia sentito il dovere di intervenire durante la discussione sul consuntivo 2010. Un bilancio che, molto più che le parole, rischia di mettere in ginocchio il Comune di Scilla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: