L’insensibilità dell’antistato

Non c’è che dire, la criminalità organizzata è proprio spietata. E con essa anche i vari gruppi terroristici, sinistroidi, anarcoinsurrezionalisti e via cantando. Il problema è che non capiscono la gravità dei momenti che amministratori o personaggi pubblici talvolta si trovano ad affrontare. La mancanza di tatto di queste forze dell’antistato si esplica insomma nei periodi più bui di un governo, o di una esistenza. È accaduto anche al governatore della Calabria, Peppe Scopelliti. Nel momento peggiore del suo mandato – cioè dopo le dichiarazioni rese a processo dal colonnello Valerio Giardina circa i suoi rapporti con noti esponenti della criminalità organizzata reggina -, ecco che spuntano fuori, verrebbe proprio da dire dal nulla, le Brigate rosse a minacciarlo. Già, le Brigate rosse. I terroristi in Calabria. Che minacciano Scopelliti. Quanta insensibilità. E che dire di Aldo Pecora, il fondatore del movimento Ammazzateci tutti? Stessa sorte anche per lui. Una lettera intimidatoria lasciata sul parabrezza dell’auto e due pericolosi finti giornalisti ad aspettarlo sotto casa, a Cinquefrondi. La ‘ndrangheta non poteva essere più improvvida: pochi giorni prima un giornale aveva scoperto che Pecora, il paladino dell’antimafia calabrese, vive con la famiglia in un immobile confiscato al clan Longo. Immaginate lo scandalo: uno che lotta contro la mafia ma al tempo stesso gli paga l’affitto. E, purtroppo, è successo anche qui, a Scilla. Ai danni del sindaco e della sua giunta. Proprio nel bel mezzo delle polemiche dovute alla chiusura dell’ospedale, ai mancati pagamenti degli stipendi ai dipendenti comunali e in seguito alle critiche di «un giornale mensile». Chissà quanti ce ne sono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: