Archive for ‘Interventi’

5 novembre 2011

Niente democrazia senza cultura

L’associazione culturale “Scilla” ha come obiettivo quello di promuovere e diffondere  le  diverse espressioni della cultura nella convinzione che essa sia una delle risorse più importanti per una comunità.

Questo concetto è stato già espresso durante gli incontri che ho promosso quale candidata nella lista “Insieme per il progresso” nella recente campagna elettorale amministrativa per il Comune di Scilla. Coerentemente ribadisco la necessità di utilizzare le attività culturali come fattore di sviluppo economico e sociale per il nostro territorio. Scilla ha bisogno di questo impegno e di iniziative utili a determinare un risveglio della coscienza civile. Non è certo concetto nuovo in filosofia quello secondo cui la democrazia e la cultura sono inscindibili: senza cultura non ci può essere democrazia.

E’ perciò sempre auspicabile che la politica sostenga e promuova essa stessa la cultura come bene pubblico, come humus per aggregare intorno ad un bene comune i giovani, la popolazione tutta. Tra gli obiettivi che l’associazione culturale “Scilla” si pone c’è senz’altro quello di promuovere la conoscenza del nostro territorio e del suo patrimonio storico, artistico, ma anche delle nostre tradizioni, l’identità culturale come valore condiviso, da vivere come elemento fondante di ogni attività sociale ed economica.

Ed ancora l’associazione, con la pubblicazione di questo mensile,  intende essere presente nel territorio con sguardo libero, critico, ma anche appassionato e partecipativo, ai fatti ed eventi che riguardano il nostro paese. Il giornale intende dare la parola a quanti hanno l’esigenza di manifestare il loro libero pensiero sulla politica e gli eventi tutti che si verificano nella nostra comunità. Personalmente il fine più ambizioso e gratificante è quello di riuscire ad aggregare, unire quante più persone possibile, per discutere, solidarizzare, creare occasioni di svago, per “coltivare” l’animo umano, secondo la concezione umanistica di cultura.

Ogni prodotto della civiltà può qualificarsi come la risposta ad un bisogno: il bisogno di sapere esiste da sempre ed arriva a qualcosa che resta giovane nonostante gli uomini invecchino e che può aiutarli a conservare la parte migliore delle loro storie e delle storie di chi li ha preceduti. La cultura, come l’arte, spezza le barriere del tempo e dello spazio: avvicina al passato, apre soglie di speranza per il futuro, aiuta ad incontrare il diverso. Albert Camus definisce la cultura come “l’urlo degli uomini in faccia al loro destino”; sicuramente, almeno, è un modo per costruirselo da sè e in comunione con gli altri, liberandosi da pregiudizi, fatalismi e superstizioni del nostro passato.

Maria Gattuso
Presidente associazione culturale “Scilla”   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: